PER LI PIEDI APPESO STETTI Dante incontra Mussolini nel girone dei traditori della patria

PER LI PIEDI APPESO STETTI
Dante incontra Mussolini nel girone dei traditori della patria

Quell’anima buia di favellar
finito avea. Un’altra lagnossi
sicchè li öcchi miei per osservar
lo loco da cui suon venea girossi
ma poiché spento si fu lo rumore
la fronte verso il lume mio voltossi
ma tosto l’urlo aumentò lo tenore
subitamente girommi e la scorsi
penetrata nel ghiacciato spessore.
Apprestommi ma li arti miei ritorsi
tant’odioso orrore vi ëra ïn quella.
A me si rivolse: “i soli rimorsi
che mi prendono il core alla mia bella
sono volti. Claretta dove sei öra?”
Allotta fermai la sua lingua fella:
“una domanda nella mente mi affiora,
però fammi sapere chi tu sé.”
“donde la via nuova la Corta sfiora *
nacqui. Lo stivale guidai finché
in pazza per li piedi appeso stetti
Oh Raffaele maledetto te ”.
Con lagrime, com’ om che non accetti,
lo parlar spento avea quand’allotta
Diss’io:“ma a chi i riferimenti getti?”
Raffaele contra la mia condotta
unitamente a Emilio con Luigi
E Sandro contra a me de la complotta
furon li ideatori così li grigi
Spilli mortiferi a me e äll’amante
Mia dolce tiraro”. “ïo se lo esigi
Benito, dirò di te dolorante”.

* si riferisce alla fatto che fosse nato all’incrocio tra via Varano Costa e via Varano Costa Nuova.

A.G.

Annunci

~ di debenedittismatteo su 28 maggio 2013.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: