IL SUGGERITORE – DONATO CARRISI – il commento e la critica (con spoiler)

Il suggeritore – trama e commento e critica

introduzione
I thriller, al contrario dei gialli, spesso hanno come protagonisti dei serial killer (che sono i veri protagonisti, al contrario degli investigatori che li cercano, come invece accade nei gialli).
Il serial killer, per come viene raccontato dai film e dai libri, è un personaggio che non riesce a coinvolgermi: non sospende la mia incredulità, quasi mai.
Ad ogni pagina/inquadratura sono lì a dire: vabbè, dai.
Perchè i serial killer sono sempre tutti uguali: pazzi e nello stesso tempo intelligentissimi, sempre un passo avanti ai poliziotti. Non so se nella realtà siano così, ma mi sembra improbabile.
Il serial killer è diverso dal criminale catturato da conan doyle o agatha christie, perchè agisce senza un movente. Se la prende con gli innocenti, seguendo un percorso perverso della sua mente, che per lui ha una logica, ma per gli altri protagonisti (e spesso per il lettore) non ce l’ha.
Il fatto che il loro piano possa avere *qualsiasi senso*, di fatto, fa sì che non ne abbia nessuno. Non agiscono per vendetta, e nemmeno per avidità, o per una qualsiasi motivazione che può spingere ad uccidere un normale assassino. Escludendo quindi i moventi propri dell’uomo, restano solo i motivi del mostro. I serial killer sono disumani, e quindi non mi interessano (capovolgendo il detto di Orazio: homo sum, et nihil humani a me alieno puto – se sono un uomo, tutto ciò che è disumano mi è alieno). (E’ strano come marziani, replicanti, negromanti, androidi, draghi e orchi abbiano spesso motivazioni molto più credibili del serial killer, che, essendo disumano, risulta particolarmente noioso.)
Sono noiosi e poco credibili, perchè il movente che li spinge è debole, abbiamo detto, ed è autoreferenziale, egoistico: ogni serial killer ha un movente “tutto suo”. E allora, se il motivo per cui uccide è “tutto suo”, a me non interessa.
Il bello è che il loro movente privatissimo e individuale (le ragazze di nome Gloria, ad esempio, oppure quelli con la erre moscia) li rende terribili (ognuno può essere la loro vittima, ed è questo brivido che cerca il lettore) ma nello stesso tempo incredibili (se il movente può essere qualunque, il movente viene inflazionato da tutti gli altri moventi possibili e impossibili, perdendo tutta la forza possibile).
Quindi, per ora, non ho trovato mai un thriller che mi abbia veramente convinto. E “Il Suggeritore” di Donato Carrisi non fa eccezione.

– ATTENZIONE SPOILER –

lo stile
Il lessico usato da Carrisi è amorfo.
Alterna parole poco usate o tecniche (dozzinale, cicalino, brecciolino) a frasi fatte (“a contatto con la natura”, “patrie galere”, “nulla sarebbe stato più come prima”). In entrambi i casi l’effetto risultante è di approssimazione.
La suspense c’è: il lettore ha desiderio di capire. Varie volte, desidera sapere cosa sta succedendo e alcuni dei colpi di scena secondari sono ben riusciti (la ragazza nel seminterrato), mentre è deludente la soluzione finale (il colpevole è, in pratica, una comparsa – e sto pensando sia a Vincent Clarisso che a Frankie).
La trama ha molti buchi di credibilità, che affronterò fra qualche riga.
L’ambientazione è interessante in quanto indefinita, e indefinita bene. Per quanto riguarda il luogo in cui si svolge è impossibile localizzare la storia, potremmo essere in Ohio come in Albania, e questo funziona. I nomi dei personaggi, efficcaci, aiutano a non trovare geolocalizzazione definita. Meno riuscito è il tempo in cui è ambientata: abbiamo iPod e mangianastri che convivono, mescolando scene ad altissima tecnologia e altre di fatiscenza.
Infine, il romanzo non è privo di sviste (un “gli” al posto di “le”, un personaggio che cambia nome da Rebecca ad Elisa) che non fanno onore all’autore, ma soprattutto alla casa editrice (Mondadori, non nuova a questa approssimazione) e all’editor che ha seguito il romanzo (che avrebbe esattamente il compito di evitare queste sviste).

le perplessità
Ricostruire la trama fa venir da ridere: il piano diabolico del serial killer è talmente diabolico da essere ridicolo, impossibile.
Proviamoci lo stesso. Di fianco ad ogni avvenimento metterò i dubbi che mi sono rimasti. Premetto che non ho letto (nè ho intenzione di leggere) l’Ipotesi del Male, il romanzo di Carrisi che si presenta come “prequel e sequel” del Suggeritore: non mi interessa se ad alcune di queste domande verrà data risposta in altre pagine, credo che ogni romanzo debba essere autosufficiente e credibile in se stesso, senza aver bisogno di stampelle postume o iniziative editoriali surrettizie.
(Se Donato Carrisi dovesse mai leggere queste righe e volesse rispondere ai miei dubbi, sarebbe mitologico.)

Prendiamo come riferimento temporale l’età di Mila, che, nel romanzo, ha 32 anni.
Partiamo da quando ne aveva due.

*Mila ha 2 anni (28 anni prima)*
Quando Mila ha due anni Billy muore gettato da una torre da Ronald, su istigazione di Frankie.
Frankie, in qualche modo, viene a sapere che Billy è stato sepolto con un mangianastri con registrata la confessione di Ronald (perchè Ronald – o padre Rolf – avrebbero dovuto registrare la confessione? e perchè sul mangianastri del morto? e come fa Frankie a saperlo? gliel’ha detto Ronald? perchè?).
Inoltre Frankie conosce Feldher, e capisce che quell’orfanotrofio è pieno di possibili serial killer (polverizzando ogni statistica).

*Mila ha 7 anni (25 anni prima)*
Frankie suggerisce a Steve di rapire Linda. Steve lo fa, e inizia a chiamarla Gloria.

*Mila ha 10 anni (22 anni prima)*
Non è facile stabilire di preciso quanti anni abbia Mila quando viene rapita da Steve: ne ha sicuramente più di nove e meno di quattordici (l’età a cui assiste all’infarto del padre). L’altra bimba (Linda) è stata rapita a nove anni, quindi ipotizziamo che Mila ne abbia dieci (circa, ma tanto è uguale).
Frankie ha suggerito a Steve di rapire anche Mila, e lui l’ha fatto, con una parrucca bionda in testa. La chiude nel seminterrato, ma gli cade e Mila si rompe un braccio.
Per qualche motivo questo rapimento fa scattare nella testa di Frankie (ipotizzando che siano due persone diverse, vedi dopo).

*Mila ha 12 anni (20 anni prima)*
Frankie incontra Rockford che cammina da solo e gli suggerisce di iniziare ad uccidere.

*…nei successivi venti anni… (in ordine sparso)*
– Frankie si siede su una poltrona mentre il pedofilo Alexander adesca le sue vittime;
– Frankie si mette a studiare la vita di Sarah, Goran e gli altri membri della squadra speciale;
– Frankie si mette a studiare la vita delle famiglie delle sue vittime, sapendo precisamente tutte le coppie che hanno avuto una sola figlia femmina in tarda età (o, in realtà, è impiegato all’anagrafe, oppure ha una fortuna pazzesca!);

*…arriviamo all’anno prima dell’indagine (Mila ha 32 anni)*
In ordine:
– maggio (circa): Feldher sequestra Yvonne e i figli in casa propria, iniziando il parassitismo;
– settembre (circa): scompare padre Rolf, e Ronald inizia a fingersi padre Timothy;
– 22 ottobre: Frankie si fa arrestare per futili motivi, sapendo (!) di essere messo in cella con un potenziale serial killer (Vincent Clarisso) e sapendo anche che Clarisso verrà rilasciato giusto in tempo per ricevere e mettere in pratica tutte le istruzioni, fra cui la creazione di lacrime artificiali che non evaporino (ha “quasi un mese per istruirlo”, e Vincent impara tutto a memoria)… come al solito, o Frankie è, in realtà, il capo dei servizi segreti, o ha una fortuna pazzesca!
– novembre (circa): Vincent Clarisso (tenendosi bene in mente tutte le istruzioni di Frankie sulle abitudini, gli alberi genealogici e le mappe catastali di sei famiglie e cinque poliziotti), esce di galera e inizia a mettere in atto il piano di Steve;
– novembre (circa): Goran cerca il nome di sua moglie su google;
– novembre (circa): la villa dei Kobashi viene completata (e quindi Feldher pone fine al parassitismo durato sei mesi, uccidendo i tre “ospiti”);
– 6 dicembre: una cimice inizia a registrare il vaniloquio di Frankie in galera. Frankie, che è fortunatissimo, sa perfettamente che viene chiamato Goran per interpretarle (e Goran le interpreta uccidendo moglie e figlio, il mese successivo).

*…arriviamo all’inizio del romanzo…*
– 6 gennaio: Vincent rapisce Sandra (47 giorni prima del 22 febbraio, quando viene scoperta la sua complicità) e inizia a ricattare via mail Sarah Rosa (che è esperta in informatica, mentre Vincent è un ex-infermiere, quindi per Sarah sarebbe possibile risalire al mittente!);
– 6 gennaio-5febbraio: avvengono i cinque rapimenti, alcuni compiuti da Sarah, altri (forse) da Vincent; in ogni caso è Vincent ad amputare le braccia sinistre;
– 5-7 febbraio: Vincent (o Sarah?) mette Debby (n°1) nel bagagliaio di Alexander, sapendo che aveva appuntamento con una “farfalla” e che non aveva messo la sicura alla portiera (anche Vincent ha una fortuna pazzesca!);
– febbraio: Ronald/Timothy mette la n° 2 nella vasca del lavatoio dell’orfanotrofio, insieme a litri e litri di lacrime artificiali che non evaporano (che gli porta Vincent, visto che il chimico è lui, direi);
– febbraio: un trasmettitore morse costruito a mano da un bimbo per la scuola continua a trasmettere da nove mesi incessantemente, e le pile funzionano ancora (forse Feldher le ha cambiate, perchè gli piaceva il ticchettio?);
– febbraio: Feldher assiste alla sepoltura di Ronald (che avviene in incognito, di notte, ma tanto Feldher, come Vincent e come Frankie, ha una fortuna pazzesca!);
– febbraio: Feldher viene ucciso senza un vero motivo dalle squadre speciali, dopo che il capo dell’operazione aveva detto di non sparare (che sfortuna pazzesca!);
– febbraio: Mila e Nicla interrogano “mediaticamente” Rockford;
– 25 febbraio: Sarah porta il cadavere della n° 5 nello Studio; Mila si fa ipnotizzare e intrappola Sarah; Goran capisce che Frankie, avendo lasciato il cadavere n°5 nello Studio, vuole indiziarlo per aver ucciso la moglie e il figlio (nonostante sia convinto che Tommy sia ancora vivo… che fortuna pazzesca!), quindi Goran manomette le prove per sviare i sospetti sull’innocente Boris, accusandolo di aver ucciso Rebecca Springher (che, per un errore di editing, viene chiamata Elisa); Vincent Clarisso, grazie alla sua fortuna pazzesca, scopre che le indagini si stanno dirigendo verso il caso Wilson Pickett e telefona alla prostituta sopravvissuta; nel frattempo Terence Mosca, con un colpo di fortuna pazzesca cattura Clarisso, che dopo aver mantenuto il sangue freddo nell’ultimo mese segando braccia e ricattando gente (ma soprattutto avendo una fortuna pazzesca), sbrocca di brutto, sparando al commissariato.
– Infine, Mila va a trovare Frankie in carcere e, lui, con una fortuna pazzesca, azzecca pure il sesso della figlia di Goran e Mila (ma qua era cinquanta e cinquanta, dai, era più facile).

Insomma, il risultato complessivo è che i serial killer presenti in questo romanzo (e ce ne sono almeno cinque) hanno tutti una fortuna pazzesca!
Non sono maghi del crimine, dell’informatica e delle tecniche di indagine con poteri telepatici e complici sparsi per ognidove! No! Hanno solo una fortuna pazzesca! Perchè solo così è possibile spiegare come faccia la trama ad andare avanti.
(I malevoli potrebbero pensare che PRIMA il buon Donato abbia avuto una serie di idee piene di suspanse – oppure di sadismo sadicissimo – condite da un’annaffiata di tecniche d’indagine più o meno avvenieristiche… e che POI abbia costruito una trama complicatissima e piena di botte di fortuna pazzesca per tenere insieme la medium, la motosega, il codice morse, il pedofilo, il maschio che in realtà è una femmina, la numero sei che in realtà è Mila, il cattivo che in realtà è buono, il buono che in realtà è cattivo… eccetera.)
E che, quindi, restano alcune domande irrisolte, anche importanti.

Domande irrisolte:
– Come mai Frankie si studia le vite dei poliziotti, quando è impossibile che sappia che Mila andrà a lavorare con loro? Il finale fa intuire che è Mila l’origine di tutti i rapimenti, e Frankie sa già che sarà lei stessa ad unirsi proprio a quella squadra per indagare su quei rapimenti! O Frankie è, in realtà, il capo della polizia, oppure ha una fortuna pazzesca!
– Come ha fatto Sarah (o Vincent) a rapire la numero 5, quella rapita in camera sua? Visto che Donato ci mette varie pagine a spiegarci come è stato possibile rapire la numero 4 dalla giostra, sarebbe stato bello altrettanto impegno a spiegarci il quinto rapimento.
– Come faceva Frankie ad essere sicuro che Feldher avrebbe interpretato la risata fra le lacrime come la morte di Billy? Gliel’ha suggerito lui?
– Com’è andata la faccenda del registratore di Billy? Chi ha registrato la confessione? Come faceva Frankie a sapere che nella bara di Billy c’era il registratore, con dentro la registrazione?
– Come faceva Frankie a sapere che avrebbero trovato la sua casa nel bosco? Perchè presuppone che sapesse che Mila conosceva una medium e che l’avrebbe chiamata per interrogare il moribondo Rockford che – per un colpo di fortuna pazzesca – muore esattamente durante l’interrogatorio, nè un minuto prima nè uno dopo.
– Come mai Clarisso inizia a sparare come un matto in commissariato?
– Mila ha testimoniato o no contro Steve? E’ un dato importante, anche per capire se Steve e Frankie sono o no la stessa persona.
– Frankie e Steve sono due personalità o due persone?
Se sono due personalità, la personalità imbranata (Steve) è stata completamente fagocitata da quella geniale (Frankie), e non si capisce come mai, visto che Frankie è in attività anche prima del rapimento di Mila.
Se sono due persone distinte, non si capisce come mai il rapimento di Mila compiuto da Steve ha così tanto effetto su Frankie, tanto che, più di vent’anni dopo, inscena un rapimento quintuplo per “celebrarlo”.

Annunci

~ di debenedittismatteo su 5 febbraio 2017.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: